ORDINI ONLINE

ITA

ENG

5 modi per comunicare al meglio il valore del proprio lavoro di pasticcere e gelatiere

“Quanta fatica dietro a ogni singola preparazione!” Ti sarà successo di terminare una giornata e di pensare ai sacrifici che hai dovuto fare, all’insieme inestimabile di esperienze, di corsi, di esperimenti e di errori commessi.

“Quanta fatica dietro a ogni singola preparazione!”
Ti sarà successo di terminare una giornata e di pensare ai sacrifici che hai dovuto fare, all’insieme inestimabile di esperienze, di corsi, di esperimenti e di errori commessi.

Oltre alle diverse capacità acquisite negli anni, c’è anche l’abilità di scegliere le materie prime giuste, le formulazioni migliori e le ricette ottimali per il tuo stile. Ma quanto tempo hai investito prima di affinare il tuo istinto ed essere in grado di effettuare una selezione puntuale e costante degli elementi più adatti al tuo progetto?

Tutte queste competenze ed esperienze, oltre al tuo talento, hanno un valore e il tuo cliente deve poterlo conoscere per apprezzarlo davvero.

Come fare a valorizzare al meglio il proprio dolce? Come permettere al cliente di conoscere meglio i prodotti che realizzi e agevolare le vendite?

Abbiamo riassunto i 5 modi più utilizzati dalle pasticcerie e gelaterie di successo per comunicare al meglio il valore dei loro prodotti:

  1. Distinguersi attraverso i dettagli. Alla base di qualsiasi business che funzioni c’è sempre un elemento di particolarità che rende una realtà unica nel suo genere. Potrebbe, ad esempio, essere un ingrediente originale o un metodo di preparazione desueto a trasformare una preparazione tradizionale, un cavallo di battaglia apprezzato da una folta clientela. Quindi sperimentare ricette convenzionali aggiungendo un tocco personale potrebbe essere il primo modo per dare valore al proprio lavoro.
  2. Argomentare, sia visivamente (attraverso simboli o descrizioni) sia verbalmente (parlando con la clientela) le particolarità della tua produzione. È il naturale proseguo del punto precedente, che sembra ovvio, ma molti artigiani talentuosi omettono i dettagli delle proprie realizzazioni artistiche semplicemente per mancanza di tempo. Una comunicazione visiva efficace, però, favorisce la scelta di un maggior numero di prodotti. Infatti, più il cliente ha a disposizione informazioni per effettuare una scelta consapevole e più sente di potersi fidare (diminuzione del rischio percepito) e maggiore dunque è il numero di prodotti che acquista. Quindi spesso è meglio investire del tempo nella comunicazione per poi raccogliere più facilmente i frutti in futuro.
  3. Realizzare strumenti di marketing, come brochure specifiche, post sui social, o video da pubblicare su un monitor del tuo negozio o su Tiktok. Questo permette di raggiungere un ampio pubblico anche quando si è intenti nelle proprie mansioni. Se si dedica un po’ di tempo a creare materiali promozionali, ad esempio sui social, questi lavoreranno per noi quando siamo in laboratorio o in negozio, o a recuperare le energie da una giornata faticosa.
  4. Collaborare, ad esempio, con associazioni di categoria e condividendo il prestigio di far parte di un gruppo d’eccellenza, che può aiutare a condividere le preparazioni sui network comuni. Questo permette di fare sinergia, di scambiarsi pareri, metodi e relazioni utili a valorizzare il lavoro di tutti.
  5. Applicando il giusto prezzo. Spesso nei periodi in cui si ha più necessità di trovare risorse per pagare le bollette, i fornitori e l’affitto si tende a creare promozioni, o a diminuire i prezzi per facilitare l’acquisto. Però questo atteggiamento non valorizza a sufficienza la propria professionalità e il risultato può essere l’ottenimento dell’esatto contrario: il numero di vendite può calare drasticamente, dato che la percezione del valore del prodotto può scendere di pari passo con il prezzo applicato. L’artigianalità vive di qualità, di servizio, di personalità artistica e queste tre caratteristiche richiedono valorizzazione, anche attraverso il giusto compenso.

Per comunicare meglio il valore dei propri prodotti di pasticceria e gelateria bisogna dunque provare a descrivere il cuore della propria professione. Se scegli la vasocottura, spiega quali caratteristiche hanno i dolci prodotti in questa maniera. Se scegli un ingrediente per il gelato perché è una DOCG dal sapore ineguagliato, valorizza questo aspetto comunicandolo attraverso i social con un tag o un #.
Utilizzi prodotti da agricoltura biologica? Trova il modo di esprimere perché credi nella tua scelta e nella sostenibilità di questi ingredienti e mi raccomando… ascolta qui la quarta puntata di Parlamisù, questa volta è dedicata al BIO in pasticceria.

Il nostro podcast lo trovi su tutte le piattaforme (Spotify, Amazon, Google) e tocca argomenti sempre più interessanti!

Altri articoli dal nostro blog

Il gelato al caramello salato alla lavanda (con Videoricetta di Marco Scasso)

Da qualche giorno siamo in autunno e vediamo affacciarsi alle vetrine delle gelaterie gusti sempre più “caldi” e nutrienti: la castagna, il fico, la zucca e così via. Ma per i più nostalgici dell’estate perché non proporre un gusto di gelato che riporti alla mente la sapidità del mare e il profumo intenso dei fiori di lavanda?

Prezzo di latte e panna: da settimane si chiede l’intervento del governo

Il settore lattiero caseario è uno dei più colpiti dalla crisi globale che ha travolto i mercati. Naturalmente a ruota anche gli artigiani stanno subendo fortemente i rincari. Ma quali sono le ragioni di ciò che sta accadendo?

L’oro bianco: perché il latte è una materia prima sempre più preziosa

Chiunque lavori nel settore se ne è accorto: da diversi mesi i rincari del latte e dei prodotti ad esso collegati balzano agli occhi, tanto che gli aumenti arrivano a compromettere le marginalità di tutti gli attori della filiera coinvolti, compresi gelatieri e pasticceri.