ORDINI ONLINE

ITA

ENG

Il latte alta digeribilità in gelateria e pasticceria: ecco come creare una vetrina lactose free e aumentare le vendite

I tempi cambiano, per fortuna. Sembra ieri che l’apertura di certe attività era in balia di colori e statistiche, mentre la maggior parte dei professionisti oggi lavora a pieno ritmo per sfruttare al meglio le potenzialità della stagione estiva.

I tempi cambiano, per fortuna. Sembra ieri che l’apertura di certe attività era in balia di colori e statistiche, mentre la maggior parte dei professionisti oggi lavora a pieno ritmo per sfruttare al meglio le potenzialità della stagione estiva.
A proposito di cambiamento, tutto il settore del food sta cambiando (già da un po’, a dire il vero) e lo dimostrano i dati relativi alle vendite dei prodotti “lactose free”. L’intolleranza al lattosio nell’adulto è un problema molto comune, tanto che alcuni studi riportano un dato molto indicativo: 3 adulti su 4 avvertono fastidi ogni qual volta assumono alimenti contenenti lattosio.

Dunque pasticcerie e gelaterie (anche se un po’ più lentamente rispetto all’industria e alla GDO) stanno proponendo prodotti senza lattosio, ottenendo ottimi risultati a livello economico, di immagine e di apprezzamento della clientela.

Mettendosi nei panni di un consumatore avere delle alternative, non per forza vegan, ma anche più vicine alle versioni tradizionali di dolci e gelati, rappresenta un modo per non sentirsi “diversi”. Non più solo sorbetti alla frutta in gelateria, ad esempio, ma anche fior di latte senza lattosio, creme e dolci creati senza limiti, sostituendo il latte e la panna di sempre con le più versatili soluzioni “lactose free”. Il mascarpone è infatti un formaggio cremoso molto calorico, realizzato con la panna fresca, l’ideale dunque dopo lunghe camminate sui sentieri delle Alpi, dove le temperature non sono mai elevate.
Di seguito, prima delle ricette del gelato, un breve video del Maestro Gelatiere Marco Scasso sulle caratteristiche del mascarpone in gelateria.

Quanto vale il mercato del food “alta digeribilità”?

Da una ricerca realizzata da Osservatorio Immagino di GS1 Italy, in collaborazione con Nielsen, è stato evidenziato che il mercato del “free from”, comprensivo dei prodotti senza glutine, senza antibiotici, senza lattosio, ecc., nel 2020 abbia sviluppato un giro d’affari pari a 6,9 miliardi di euro, in crescita di +2,2% rispetto all’anno precedente. I prodotti che hanno trainato questo settore sono proprio quelli “lactose free”, che hanno registrato +3,6% rispetto l’anno precedente).

Dato che l’intolleranza al lattosio non è una condizione che scompare, è facile comprendere come possa essere psicologicamente provante per i soggetti che ne soffrono costringersi costantemente a delle limitazioni. L’avvento di una selezione di prodotti di alta pasticceria e di gelateria lactose free, consente alla clientela intollerante al lattosio di concedersi qualche sfizio in più, senza sensi di colpa o malesseri legati all’assunzione del lattosio.

Ma cos’è l’intolleranza al lattosio?

Il lattosio è uno zucchero che viene digerito dall’organismo umano grazie alla lattasi, un enzima che entra in azione nel duodeno e provvede alla scissione del lattosio in due zuccheri più semplici: il glucosio e il galattosio.
Dopo lo svezzamento, la naturale produzione della lattasi dall’organismo umano tende a diminuire e con il passare degli anni a buona parte della popolazione questo enzima tende a sparire. Senza la lattasi non si riesce a scindere il lattosio nei due zuccheri più semplici e dunque comincia un processo infiammatorio più o meno fastidioso a livello intestinale.

Come rendere i nostri clienti liberi di consumare dolci e gelati artigianali

L’opportunità di ampliare la clientela di una gelateria o di una pasticceria esiste ed è disponibile a tutti i professionisti che vogliono proporre delle versioni “lactose free” dei loro cavalli di battaglia.

Gli ingredienti professionali liberi dal lattosio proposti da Frascheri sono principalmente due: Latte Frascheri UHT Alta Digeribilità e Panna Arianna Alta Digeribilità UHT al 35% di m.g.

1. Latte UHT alta digeribilità parzialmente scremato

Questo latte ad alta digeribilità 100% italiano, grazie ad un procedimento di ultima generazione che poche Centrali del latte hanno a disposizione, è ideale anche per gli intolleranti al lattosio e permette ai professionisti di realizzare gelati e dolci per un pubblico sempre più ampio.
Grazie a un procedimento UHT realizzato con tecnologie rispettose delle caratteristiche della materia prima questo latte mantiene intatte tutte le principali proprietà del pregiato alimento.

2. Panna Arianna Alta Digeribilità UHT 35% m.g.


Una panna con caratteristiche del tutto simili alla più famosa Panna Arianna tradizionale. 100% italiana, senza additivi, dal colore candido e dal sapore autentico, Panna Arianna Senza Lattosio è in grado di soddisfare i palati più fini ed esigenti, mantenendo una struttura impeccabile.
I tempi cambiano, per fortuna. Sembra ieri che l’apertura di certe attività era in balia di colori e statistiche, mentre la maggior parte dei professionisti oggi lavora a pieno ritmo per sfruttare al meglio le potenzialità della stagione estiva.
A proposito di cambiamento, tutto il settore del food sta cambiando (già da un po’, a dire il vero) e lo dimostrano i dati relativi alle vendite dei prodotti “lactose free”. L’intolleranza al lattosio nell’adulto è un problema molto comune, tanto che alcuni studi riportano un dato molto indicativo: 3 adulti su 4 avvertono fastidi ogni qual volta assumono alimenti contenenti lattosio.

Dunque pasticcerie e gelaterie (anche se un po’ più lentamente rispetto all’industria e alla GDO) stanno proponendo prodotti senza lattosio, ottenendo ottimi risultati a livello economico, di immagine e di apprezzamento della clientela.

Mettendosi nei panni di un consumatore avere delle alternative, non per forza vegan, ma anche più vicine alle versioni tradizionali di dolci e gelati, rappresenta un modo per non sentirsi “diversi”. Non più solo sorbetti alla frutta in gelateria, ad esempio, ma anche fior di latte senza lattosio, creme e dolci creati senza limiti, sostituendo il latte e la panna di sempre con le più versatili soluzioni “lactose free”.

A presto,
il Team Frascheri

Contattaci subito!

Altri articoli dal nostro blog

Il gelato al caramello salato alla lavanda (con Videoricetta di Marco Scasso)

Da qualche giorno siamo in autunno e vediamo affacciarsi alle vetrine delle gelaterie gusti sempre più “caldi” e nutrienti: la castagna, il fico, la zucca e così via. Ma per i più nostalgici dell’estate perché non proporre un gusto di gelato che riporti alla mente la sapidità del mare e il profumo intenso dei fiori di lavanda?

Prezzo di latte e panna: da settimane si chiede l’intervento del governo

Il settore lattiero caseario è uno dei più colpiti dalla crisi globale che ha travolto i mercati. Naturalmente a ruota anche gli artigiani stanno subendo fortemente i rincari. Ma quali sono le ragioni di ciò che sta accadendo?

L’oro bianco: perché il latte è una materia prima sempre più preziosa

Chiunque lavori nel settore se ne è accorto: da diversi mesi i rincari del latte e dei prodotti ad esso collegati balzano agli occhi, tanto che gli aumenti arrivano a compromettere le marginalità di tutti gli attori della filiera coinvolti, compresi gelatieri e pasticceri.