ORDINI ONLINE

ITA

ENG

Prezzo di latte e panna: da settimane si chiede l’intervento del governo

Il settore lattiero caseario è uno dei più colpiti dalla crisi globale che ha travolto i mercati. Naturalmente a ruota anche gli artigiani stanno subendo fortemente i rincari. Ma quali sono le ragioni di ciò che sta accadendo?

Cominciando dalla stalla l’alimentazione animale necessita di mangimi, che già da mesi, hanno iniziato a scarseggiare e dunque a valere di più; così come i prezzi della corrente elettrica, necessaria per la mungitura, dallo scorso autunno hanno messo in seria difficoltà la raccolta del latte e hanno fatto incrementare i prezzi della materia prima all’ingrosso. Nei mesi più caldi la siccità ha reso ancora più complessa la situazione e ha causato un ulteriore aumento dei prezzi (vicino al 50%). Avanzando nella filiera, purtroppo, si possono trovare decine di altri punti in cui la crisi ha comportato l’aumento dei prezzi: il packaging (carta e plastica sono in aumento costante da mesi), detergenti, prodotti disinfettanti, scaffalature per lo stoccaggio, per non parlare dell’energia, ovvero la voce più incombente nei costi dell’industria.

Le aziende che lavorano e producono latte e panna hanno inizialmente ammortizzato l’aumento dei costi (fino al 25% e 30%), ma da un certo punto in avanti il prezzo del latte ha dovuto aumentare anche per gli artigiani e i consumatori finali. Granarolo e Lactalis, come riportato da diverse testate, ritengono sia giunto “il tempo della responsabilità pubblica” e chiedono al governo “un provvedimento transitorio per contenere un aumento dell’inflazione scatenato prevalentemente da questioni geopolitiche”.

Ettore Prandini, presidente della Coldiretti, afferma “Non abbiamo tempo di aspettare il nuovo governo, serve un intervento immediato” e propone come soluzioni: “Via l’Iva al consumatore e tetto ai prezzi dell’energia per le industrie: i crediti d’imposta non bastano“, altrimenti “un’impresa su dieci chiuderà“.

C’è da fare anche un’altra considerazione: rispetto ad altri settori nei quali si potrebbe mettere in stand-by l’attività per riprenderla al termine della bufera economica, il bestiame non può attendere momenti migliori, perciò diversi allevatori potrebbero essere costretti ad abbattere gli animali e a chiudere definitivamente.

24 mila stalle italiane, che attualmente producono 2,7 milioni di tonnellate l’anno e alimentano una filiera lattiero-casearia che vale oltre 16 miliardi, sono in forte crisi e molte di queste potrebbero essere costrette a chiudere e a congedare buona parte dei 200.000 lavoratori che attualmente operano nel settore.

Data l’importanza del latte, come ingrediente fondamentale di pasticceria e gelateria, ma più in generale nella nostra cultura e alimentazione, questa crisi può avere immense conseguenze su tutta l’economia italiana.

Tu cosa ne pensi? Arriveranno gli aiuti richiesti?
Facci sapere la tua opinione.

A presto,
il Team Frascheri.

Altri articoli dal nostro blog

Dopo pandemia e rincari finalmente è tornato il SIGEP, quello vero

Quello di una volta: quello che nelle ore di punta si fatica ad avanzare tra la folla di professionisti e a sedersi in uno stand. Ecco, questo è il SIGEP che ricordavamo e che forse quest’anno ha addirittura superato le più rosee aspettative.

Ecco tre strategie anti-aumento dei prezzi per gli artigiani del gusto

Mentre i prezzi nei supermercati salgono e i consumatori tendono a scegliere sempre di più prodotti low cost, il fuori casa sta vedendo delinearsi una tendenza che potrebbe protrarsi per tutto il 2023.

Frascheri dà alla luce un nuovo prodotto: il Burro Arianna Senza Lattosio

Dicembre è il mese delle luci e delle feste, ma anche il mese in cui è bene fare il punto della situazione per pianificare il futuro. I dati confermano il costante aumento degli intolleranti al lattosio e i professionisti del gusto da tempo chiedono l’ampliamento della tanto apprezzata linea professionale lactose free Frascheri.